30 giugno 2011

Weekly Finds

Vintage High Waisted Pencil Skirt - by Gretaloves
Kandinskij Laminated Earrings - by Veracreations
Chlakboard Pendant on Snake Chain - by Fiorejewellery
Crochet Granny Square Bag - by Knittingcate





23 giugno 2011

22 giugno 2011

The winner of the Challenge and the new theme!

Fiorejewellery is the winner of the challenge Music, with this wonderful necklace :Allegro. Congrats!!

Fiorejewellery è la vincitrice del challenge Musica, con questa bella collana: Allegro. Complimenti!!





The new theme: Under the sea!
As you know, we have changed the rules of the game and now it's more fun! You can win a feature on this blog and you'll be included in the post " We find for you " that will be published on thursday following the announcement of the winner!
We also have a new: THE WINNER WILL CHOOSE THE NEW THEME!
So  Fiorejewellery choosed the new theme: Under the sea!So, what are you waiting for? Let's play the game!!

The new rules:

-you have to be a member of Etsy Italia Team;

-you have to create a new item inspired by the theme of the challenge, and you have to list it in your Etsy shop;

-you have to list your new item on 13th of July;

-the game starts now and will end at 22.00 of July 13th;

- convo me your entry (the link of your list on Etsy) at
I bijoux dello Stregatto on Etsy;

- from 15th July to 21th July you can vote your favorite item. On the 22th of July we'll announce the winner.

Enjoy!

Il nuovo tema:Sott'acqua!
Abbiamo cambiato le regole del gioco e adesso partecipare sarà più divertente! Potete vincere una feature su questo blog e sarete inclusi nel post "We find for you" che sarà pubblicato il giovedì successivo alla proclamazione del vincitore!
Abbiamo anche un'altra novità: IL VINCITORE SCEGLIERA' IL NUOVO TEMA!
Fiorejewellery ha scelto, e il nuovo tema è: Sott'acqua!Cosa aspettate? Partecipate al gioco!!
Le nuove regole:

-devi essere un membro dell' Etsy Italia Team;

-devi creare un nuovo oggetto ispirato al tema e metterlo in vendita nel tuo negozio Etsy;

-devi mettere in vendita il tuo oggetto il 13 Luglio;

-il gioco inizia ora e treminerà il 13 Luglio alle 22.00;

-mandami una convo su Etsy con il link alla tua creazione a :
I bijoux dello Stregatto;

-dal 15 al 21 Luglio puoi votare il tuo oggetto preferito;

-il 22 Luglio proclameremo il vincitore.


Buon divertimento!


17 giugno 2011

Etsy Craft Party 2011 in Rome

[EN]
This is the second Etsy Craft Party organized by Etsy Italia Team in Rome. We prepared handmade cute decorations for the room (a gym) helped by the tips on the Storque. The Association "Insieme per il Trullo" hosted the party for free, they were so kind! (Trullo is a troubled neighborhood at the edge of Rome, Italy).
We prepared a table with the pictures of some of the member's works and business cards and yep, a table with deliciouos food and drinks.
We had also four nice projects to realize: a funny ring made out of recycled pantyhose, little boxes made out of recycled cardboard, butterflies and shadowboxes made out of recycled cardboard and old magazines. We had a lot of amusement, above all while making some cardboard mustache :D
A picture of us with our elegant mustache will be send to Etsy NY, as suggested on the Etsy's pdf with tips for the Craft Party.



[IT]
Come l'anno scorso anche quest'anno eravamo pochi, solo tre persone di EIT (Etherealflowers, Lestoffeallegre, Maritales), Stefano e Alda col nipotino da fuori EIT e alcune persone di passaggio.
Il buffet era abbondante e molto buono, in particolare i dolci con le mele di Etherealflowers.



Le decorazioni e i cartelli sono stati fatti a mano, alcuni con materiali riciclati, un grazie particolare va a Piera, la presidentessa dell'Associazione "Insieme per il Trullo" onlus, che ci ha ospitati gratuitamente (è già il secondo anno!) e ci ha regalato le tovaglie arancioni, proprio il colore di Etsy :)
Un tavolino è stato interamente dedicato al team, abbiamo cercato di metterci più stampe possibili delle creazioni di alcuni membri del team avanzate dal Faenas e i bigliettini che molti di voi ci hanno lasciato dal Faenas.



Una signora di passaggio, Maria, frequentatrice dell'Associazione, ne ha presi un bel po' e li distribuirà a persone che conosce, interessate alle creazioni fatte a mano.
Dopo i convenevoli per prima cosa abbiamo realizzato dei bei baffoni di cartoncino e li abbiamo utilizzati per la foto di gruppo da mandare alla sede Etsy di New York insieme al link che porta alla galleria di facce baffute di tutti i membri del team che vorranno aderire all'iniziativa. Comparirà qui in settimana: galleria baffi.



Una curiosità enorme ha suscitato il progetto di Lillicose sugli anelli fatti con i collant. All'inizio le spiegazioni ci hanno lasciati un po' perplessi, ma poi Lestoffeallegre ha chiarito ogni dubbio ed ecco il risultato:



Grazie Lilli :)

Siamo quindi passati alle scatoline di Etherealflowers che si sono rivelate veloci e facili da costruire e soprattutto resistenti!



Grazie Francesca :)

In ultimo ci siamo lanciati nella decorazione delle scatoline di Etherealflowers e le abbiamo trasformate in inusuali shadowbox



e poi via con le farfalle!



Il party si è svolto in un clima rilassato e familiare, abbiamo riso molto, mangiato molto e il tempo è volato.
Mettere a posto tutto e pulire è stato facile e veloce. Quando sono uscita ho avuto una bella sorpresa. La signora Maria stava raccontando alle persone intervenute a una presentazione di un libro in un'altra parte dell'Associazione, quel che stavamo facendo e per ottobre mi sono permessa di dare a tutti l'appuntamento per il Das Party di cui abbiamo parlato, scherzando, nel forum del team.
Quindi, arrivederci a ottobre ;)

Qui potete vedere le foto del party:
da Etherealflowers: fotoda Lestoffeallegre: fotoda Mairitales: foto
Qui potete trovare i progetti del party: Progetti

By Mairitales

14 giugno 2011

EIT for charity: northern Italy earthquake - First donation


[Versione italiana]

The earthquake that has hit the northern Italy seems to not have an end, earthquakes are going on, luckily there are no other people injuried or damaged buildings.
The local residents are working hard to return to normality, to reopen farms and factories, to live again in their home.
At the moment there are calls for help such as money, things, engineers.
The EtsyItaliaTeam has contributed with a fund-raising campaign in its charity shop. The campaign was well-attended and we have donated the first 700€ to region of Emilia Romagna, here it is the receipt:





Thanks from the bottom of our hearts to Pam who has worked a lot to promote the campaign with a lot of treasuries and a giveaway on her blog. Also Diana, the winner of the giveaway, has written a post on her blog. Thank you :)

Thanks to Treasury Flash Mob team that for a week will host treasuries with our charity shop to promote the campaign. You are great! :)

A big thank to Daniela – Handmadeinitaly, Anna – Themuubear and Sonia – Lofficina who have helped to manage the charity shop. A thank to the leaders Silvia – Cloudnumbernine , Anna - Lalunadianna, Marzia - Lefolliedimarzia, Laura - Kosmika e Francesca - Etherealflowers who follow the whole campaign.

Thanks to all of you who have partecipated by donating your creations, by buying from the charity shop and by promoting the campaign.
Many Etsy teams asked us to partecipate by donating their creations. Unfortunately we had to decline because of technical reasons but we'd like to thank you anyway :)
It is wonderful to see how many people, from different countries, have partecipate, thank you from the heart :)



The EtsyItaliaTeam wants to contribute again by donating the beautiful creations of its members for sale in its charity shop. The proceeds will be donated to litlle local no-profit organitazions, we already have considered some of them recommended by our team members.

If you are an EtsyItalia team member and you want to donate an item for the charity shop, just follow these instructions.

Updates:
-- June 14 - 172 donated items, 114 sold items, about 1292€ revenue to donate (net of Etsy and PayPal taxes) 700€ of which already donated to region Emilia Romagna, 12 countries involved.
-- June 17 - 173 donated items, 116 sold items, about 1312€ revenue to donate (net of Etsy and Paypal taxes) 700€ of which already donated to region Emilia Romagna, 13 countries involved.

Past found-rising:
- Five Land's Flood (Oct 2011- Feb 2012)
- GECA Onlus (2011 Jul-Sep)


The Challenge: Music!

EtherealFlowers was the winner of the last challenge and so she choose the theme of the new one: Music!
A beautful theme, so inspiring!
We have six beautiful entries, you can vote for your favorite one until June 21th at 10.00 PM.

EtherealFlowers ha vinto l'ultimo challenge mensile e così ha scelto il tema per quello nuovo: Musica!
Un bellissimo tema, ricco di spunti!
Abbiamo sei bellissime creazioni , potete votare la vostra preferita fino al 21 Giugno alle 22.00.


 1 Fiorejewellery - Allegro - Handcrafted Silver Wire necklace

 2 VeraCreations - Black and White bracelet for music lovers

 3 Callmemimì - Carmen inspired shawl




 5 LaPeRlaA - Music of the sea earrings

6 Mairitales - Sweet music cake miniature




9 giugno 2011

Weekly Finds

Obsession Necklace - by MadamaRobè
Love birds medallion wedding cake topper - by PassionArte
Zafferano & Tea eco natural dyed cotton cat - by Chromantication
Buttons and wood stud earrings - by Nanofactory

Collage created by babu106







6 giugno 2011

Perché il Rosso è così difficile da fotografare?

[english version]

Qualche giorno fa ho letto una entry nel blog Elisaricamo che mostrava delle belle tovaglie rosse ricamate... L'autrice si scusava per il rosso del tessuto che, diceva, nelle foto risultava molto diverso dal vero. Allora mi sono ricordata che anch'io ho avuto seri problemi nel fotogragare un oggetto rosso che avevo fatto per Etsy giusto qualche giorno prima, e che le foto che avevo fatto l'anno scorso alle mie rose avevano colori totalmente falsati. Queste sono rose David Austin William Shakespeare 2000 che dovrebbero essere di un rosso violaceo molto scuro... ed ERANO di quel colore, per quanto sembri impossibile da queste foto.



Naturalmente so che la rappresentazione del "vero", preciso colore su uno schermo o su carta stampata sono impossibili, ma non sto parlando di leggere differenza...Qui i colori sono davvero MOLTO diversi!

Un altro esempio: ho la foto seguente alla normale luce del sole, non particolarmente forte e con regolazioni standard. Notate che l' iPod si vede perfettamente. Perche' la custodia rossa e arancione allora si vede cosi' male, quasi fluorescente? Mi sono chiesta quale ragione potesse essere alla base di questo, a parte la qualita' della macchina fotografica. Perche' naturalmente la mia prima reazione e' stata di incolpare la macchina fotografica (una Nikon Coolpix S570, una macchina compatta; carina ma economica), pero' dopotutto le foto delle mie vacanze non erano venute male, ed e' una macchina a 10 Megapixel, quindi non dovrebbe essere nemmeno la peggiore sul mercato... E allora perche' c'e'questo problema con gli oggetti rossi? Cosi' ho cercato di indagare in internet sull'origine di questo problema, e questa e' una sintesi di quello che ho scoperto.



Le macchine fotografiche digitali catturano la luce atraverso un sensore con l'aiuto di un dispositivo chiamato filtro Bayer, che suddivide e ordina lo spettro visibile nei tre colori primari additivi, Rosso, Verde e Blu (RGB). Cosi' in pratica ci sono tre diversi tipid di sensori... Ma le cose non sono cosi' semplici. Perche' per simulare la sensibilita' dell'occhio umano, che e' piu' sensibile alle lunghezze d'onda nel colore verde rispetto a quelle rosse o blu, i sensori sensibili al verde sono in quantita' doppia rispetto a quelli sensibili al rosso o al blu. Questo disegno (linkato da Wikipedia) mostra come sono posizionati i sensori in un filtro Bayer:


La cosa piu' evidente e' che soltanto 1/4 dei sensori sono dedicatoi al rosso. E questo significa che quando si fa una foto ravvicinata di un oggetto di un rosso vivace, quasi solo quei sensori staranno lavorando (e in realta' probabilmente staranno leggendo valori fuori scala, cosi' le letture verrano tagliate al massimo valore disponibile), mentre i sensori del blu e del verde non staranno rilevando quasi niente, solo valori bassissimi in corrispondenza di leggere sfumature di colore... Cioe' i tre quarti dei pixel di quell'area daranno risultati quasi insignificanti, e il rimanente quarto dara' valori al massimo livello raggiungibile.

Non lo sapevo, ma il numero di Megapixel di una macchina fotografica indicano il numero totale dei singoli sensori rossi, versi e blu, non il numero di "punti" che compongono l'immagine, come pensavo io (come sugli schermi, dove ogni pixel e' composto da una triade rosso-verde-blu): siccome ci vogliono 4 pixel del sensore (2 verdi, uno rosso e uno blu) per formare un pixel dell'immagine, la vera risoluzione di una macchina fotografica e' solo un quarto dei suo numero di Megapixel (deludente, vero?).

Poi le cose cambiano, a seconda della macchina fotografica...

Le macchine compatte come la mia salvano l'immagine direttamente come file .JPG. Il file puo' avere dimensioni differenti a seconda della risoluzione della macchina fotografica e dei settaggi (si puo' scegliere tra diversi livelli di qualita'): un file ad alta qualita' di una macchina fotografica a 10 Megapixel sara ovviamente piu' grande di uno di una macchina a 4 Megapixel, ma in fondo sono ottenuti entrambi attraverso la stessa tecnologia e codifica, che implica la perdita di informazioni. I dati provenienti dai sensori rossi, verdi e blu vengono ricombinati da un apposito algoritmo (de-mosaicing) in una singola immagine .JPG. La scarsa informazione riguardante i canali verde blu, nel caso di un'immagine fondamentalmente rossa viene praticamente persa e il risultato e' un'immagine a 8-bit (vedi spiegazione sotto) che soffrira' dei problemi che abbiamo visto: un brutto rosso che non somiglia per niente all'originale.

Un file .JPG ha 8 bit di profondita' di colore per ciascun canale (Rosso, Verde e Blu). Significa che ogni colore primario puo' assumere soltanto 256 valori, e che tutti i colri presenti nell'immagine .JPG possono essere solo una combinazione di quei valori (Sullo schermo, ogni pixel di colore consiste in un punto rosso, uno verde e uno blu: ognuno dei tre ha associato il suo valore di luminosita', che nel caso del formato JPG puo' variare tra 0 e 255).

Le macchine fotografiche di gamma piu' elevata permettono di salvare l'immagine in formato RAW. Questo formato registra esattamente i dati letti dai sensori blu, rossi e gialli, senza compiere nessuna operazione su di essi. Questo permette una gamma piu' ampia di correzioni successive, perche' tutta l'informazione raccolta e' ancora presente, niente e' stato perso, semplificato o cancellato perche' considerato "inutile" da qualche algoritmo. Nel nostro caso (un oggetto rosso), con l'immagine in formato RAW e Photoshop o un programma simile e' ancora possibile ottenere qualche preziosa informazione dai valori dei pixel verdi e blu, che puo' aiutare a dare profondita' al colore, ad esempio mostrando delle sfumature di rosso differenti, che non compaiono nell'immagine .JPG. Il formato RAW permette immagini migliori con colori piu' brillanti: un file RAW ha normalmente 12 o 14 bit di profondita' di colore per ciascun colore primario (Rosso, Verde e Blu). Un colore a 12 bit significa che ogni colore primario puo' assumere 4096 valori di intensita' differenti (invece dei 256 del formato JPEG!); ancora di piu' nel caso di 14 bit. Ovviamente anche il numero totale di di colori che si possono visualizzare e' immensamente piu' alto che nel JPEG.

Ma naturalmente, questi miglioramenti comportano anche degli svantaggi! Le macchine fotografiche che offrono il formato RAW sono decisamente piu' costose e generalmente piu' ingombranti e pesanti delle macchine compatte. (Ho smesso di usare una reflex molti anni fa perche' ero stufa di portarmi in giro una macchina pesante e una borsa piena di obbiettivi, e sono ancora convinta della mia scelta... Mi piace usare una macchina che posso semplicemente mettere in ogni borsa, senza dovermi preoccupare costantemente di perderla, rovinarla o che me la rubino. Gli svantaggi sono piu' che compensati dalla liberta' di utilizzo, a mio avviso. D'altra parte, non sono una fotografa! :-) Magari potrei prendere in considerazione di comprare una macchina con il formato RAW per le foto per Etsy... Ma un giorno, in un lontano futuro!).
Inoltre, le immagini RAW richiedono molto piu' spazio di quelle .JPG: anche selezionando la massima qualita', un'immagine .JPG richiede solo 1/5 dello spazio richiesto dal formato RAW. Vuol dire piu' schede di memoria e piu' spazio richiesto per i backup, e quando si hanno diverse migliaia di foto comincia a fare una bella differenza...

Comunque, il punto è: c'e' qualche soluzione per chi ha solo una macchina forografica compatta e cerca di fare delle foto decenti a qualcosa di rosso? O possiamo solo scartare le macchine compatte e passare a quelle piu' professionali? Ho trovato un paio di suggerimenti utili su internet.

Il primo suggerimento e' di modificare manualmente il tempo di esposizione per sottoesporre l'immagine (la maggior parte delle macchine, anche quelle piu' economiche, permettono qualche tipo di correzione manuale. Cercate nel manuale della vostra, se non avete mai usato questa funzione!). Questo dovrebbe servire ad evitare la brutta sovraesposizione dei pixel rossi (i pixel del sensore che andavano a fondo scala e quindi venivano tagliati sul valore massimo, ricordate?). Naturalmente questo portera' anche ad un'immagine sottoesposta in generale, ma sara' piu' facile correggerla in seguito con Photoshop, GIMP o qualche programma simile.

Un altro suggerimento e' di correggere il file .JPG "sbagliato" con Photoshop o GIMP dopo averlo convertito in modalita' LAB (io uso GIMP, e si fa elezionando Colori --> Componenti --> Scomponi; nella finestra che compare scegliere LAB e selzionare la casella Scomponi in Livelli . Credo che in Photoshopsia molto simile).
L' immagine in LAB vi confondera' all'inizio se non avete mai usato questa modalita', perche' separa l'immagine in tre livelli distinti: uno di Luminosita' e due di colore ("A" e "B"). In questo modo le informazioni sul colore vengono separate da quelle sulla luminosita' e si puo' lavorare sul colore per correggerlo senza interferire con la luminosita' della foto. Ma non sara' tanto facile all'inizio, perche' i livelli colore non sono in corrispondenza diretta con i colori primari (avete notato che ci sono solo DUE livelli colore per TRE colori primari?), quindi bisogna imparare e fare un po' di pratica... Ho appena incominciato a imparare a correggere il colore in questo modo, ma i risultati sono incoraggianti. D'altro canto, non si possono recuperare cose che non ci sono piu'... Cioe', si puo' riuscire ad ottenere un rosso piu' realistico, ma non si puo' fare il miracolo di recuperare dati mancanti o persi, e far riapparire sfumature dal nulla.

Ma la correzione del rosso sara' l'argomento di un post futuro!


Scritto da ElenasLoom per Woven Pages



2 giugno 2011

Weekly Finds

4 Red and White Porcelain Buttons - by Lofficina
The crystal bronze Bangle - by MiamaCreazioni
Red and Yellow Sprital Felt Trivet - by Ladaridari
Viva Mexico! Original Art Painting - by Ireneagh
Collage created by Kosmika





1 giugno 2011

EIT for Charity: GECA ONLUS

[english version]


(clicca sul logo per raggiungere il
sito dell'associazione)
Mi chiamo Vera. Ho 25 anni e sono affetta da una malattia rara, l’ARVD: displasia aritmogena al ventricolo destro.
Questa è una malattia cardiaca genetica che provoca aritmie e che di solito è caratterizzata da alterazioni del ventricolo destro.
Non è sempre facile diagnosticarla e purtroppo è poco conosciuta e sottovalutata.
In genere i suoi segni clinici insorgono nell’adolescenza e nella prima giovinezza (15-25 anni).

In cosa consiste?
Il cuore è costituito normalmente da cellule disposte in maniera ordinata ed unite tra loro da delle giunzioni intercellulari. Nei soggetti affetti dalla Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro, la mutazione genetica induce la produzione di proteine cardiache difettose che a lungo andare provocano il danneggiamento e la distruzione delle cellule cardiache.
Ne segue un processo riparativo in cui le cellule cardiache sono sostituite da tessuto fibroso e da tessuto grasso. Il danno delle cellule cardiache può portare da una parte alla dilatazione del ventricolo destro e dall’altra favorire l’insorgenza delle aritmie.
I sintomi principali sono: cardiopalmo (ovvero battito irregolare), sincope (perdita improvvisa di coscienza con caduta a terra), scompenso cardiaco.
Quando l’aritmia è particolarmente grave può portare a morte improvvisa.
Al momento non esiste una terapia che agisca sulla causa della malattia: esistono solo diversi farmaci antiaritmici che vengono normalmente usati per controllare le aritmie e, nei casi in cui questi siano inefficaci o siano presenti aritmie particolarmente pericolose, è indicato l’impianto del defibrillatore.


Iniziai ad accusare i primi sintomi all’età di 12-13 anni, quando praticavo nuoto agonistico e mi allenavo 2-3 ore tutti i giorni. I primi sintomi furono palpitazioni, tachicardie sempre più forti, perdita di forze e anche qualche svenimento.
Nonostante non si riuscisse a capire cosa mi stesse succedendo, fui costretta ad abbandonare la mia squadra ed il nuoto all’improvviso. Percepivo il peggioramento da un mese all’altro e nel giro di un paio di anni passai dall’essere un’atleta, a faticare e sentirmi male anche solo per salire qualche gradino di una scala.
La mia odissea da un ospedale all’altro durò in tutto 10 anni. Nessun medico riusciva a capire la causa delle mie tachicardie violentissime, spesso si riduceva il tutto ad una mia invenzione per ricevere l’attenzione che ogni adolescente desidera… finchè, a 18 anni, un pomeriggio d’estate, crollai a terra in un parco per un arresto cardiaco.
Mi ritengo fortunata, direi miracolata, perché alcuni passanti riuscirono a rianimarmi con un massaggio cardiaco… Ma in questi anni ho conosciuto più famiglie in cui dei ragazzini, all’apparenza sani e forti, morirono improvvisamente: chi durante una partita di calcio, chi semplicemente in casa, tra le braccia dei genitori ignari della malattia.
In quell’occasione mi fu impiantato un defibrillatore, ma solo all’età di 21 anni mi fu diagnosticata l’ARVD, al Policlinico Universitario di Padova, dai cardiologi che avevano fondato l’associazione Geca una decina di anni prima.


GECA ONLUS è un’associazione no profit nata per sostenere ed aiutare le persone affette da malattie cardiache eredo-familiari e le loro famiglie.
Sorta nel 2000, GECA ONLUS ora conta 700 iscritti, con 420 nuclei famigliari che s’impegnano a portare avanti i programmi di sostegno alla ricerca in tali malattie.
Negli ultimi anni la ricerca, soprattutto a Padova, ha fatto grandi progressi nell’individuazione dei geni le cui mutazioni provocano la Cardiomiopatia Aritmogena del Ventricolo Destro.
Attualmente sono stati scoperti 8 geni responsabili di questa malattia, di cui 4 presso l’Università di Padova.
Geca lavora per sostenere e promuovere una corretta prevenzione poiché la malattia è progressiva e può manifestarsi con la morte improvvisa come primo “sintomo”.
Inoltre ha creato un centro di riferimento che fornisce informazioni medico-scientifiche inerenti le patologie cardiache aritmiche ed indicazioni comportamentali, consulenze genetiche, meeting informativi per medici e l’istituzione di Borse di Studio per incentivare la ricerca clinico-genetica.


Etsy Italia Team, insieme a tutti i suoi partecipanti, ha deciso di dedicare una campagna di donazioni in favore della GECA ONLUS. Dal 9 Luglio al 9 Settembre potrete comprare i bellissimi cuori realizzati dal team sul nostro negozio di beneficenza, a fine campagna doneremo l'intero ricavato all'associazione che si occupa del supporto dei malati e della ricerca genetica per combattere questa malattia.



Inoltre, per sostenere l'associazione GECA è possibile fare loro delle donazioni: http://gecaonlus.altervista.org/

c/c bancario 07400909715E
della Cassa di Risparmio del Veneto
CIN E - ABI 6225 - CAB 12197
IBAN: IT33E062251219707400909715E
c/c postale 20254355
IBAN: IT42A0760112100000020254355
intestato a: Giovani e cuore aritmico GECA ONLUS
5 per 1000:
codice fiscale 92132030286


Vera,
di VeraCreations e Verapostblue




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...