26 aprile 2013

Le Etsydritte: Le foto, croce e delizia, ma sopratutto croce.



Ovvero, di come se non hai foto decenti non vai da nessuna parte



Il tempo vola ed è già venerdì, con le Etsydritte settimanali. Questa volta si parla di foto, perché abbiamo visto cose che voi umani... non comprereste mai! Le foto sono probabilmente l’aspetto più importante del tuo negozio online, non si scappa. Devi imparare a farle se  vuoi vendere!


Finalmente siamo arrivati al punto dolente di (quasi) ogni negozio Etsy, vecchio o nuovo. Se qualcuno di voi è passato dal forum a chiedere un parere sui propri prodotti appena entrato nel team, probabilmente si sarà sentito dire “bella creazione, ma la foto è troppo scura / azzurrina / sfocata / con lo sfondo non adatto”. Sappi che il più delle volte questa è giusto una parafrasi per farti capire che la foto è BRUTTA. Se può consolarti, tutti abbiamo iniziato così, con foto orridine, sfocate, su sfondi improbabili, convinti di aver fatto delle foto degne di un Doisneau, e invece NO.

Iniziamo con lo sfatare delle leggende metropolitane messe in giro da infidi individui che sicuramente macchinano affinché tu non diventi un seller di successo:

1) Non serve una macchina fotografica professionale per fare belle foto.

2) Non bisogna essere un fotografo per fare belle foto.
3) Non serve nessuna attrezzatura particolare per fare belle foto.
4) Non servono modelle/i per fare belle foto.
(Se invece: hai una macchina professionale, sei un fotografo, hai l’attrezzatura fotografica d’avanguardia e hai pure modelle/i a disposizione, direi che stai a posto così, questo articolo non è per te. Fortunella/o!)

InfinitePrint


Quello che ti serve per fare belle foto è:
1) una macchina fotografica digitale decente (le compatte vanno benissimo!)
2) una bella luce, che sia naturale o artificiale non importa, al buio con una compatta non ci fai neinte.
3) spirito di osservazione: guarda le foto altrui, quelle che finiscono nella front page di Etsy, quelle dei negozi che ti piacciono e cerca di capire come fanno a valorizzare i propri prodotti.
4) tanta pazienza e voglia di imparare.

Primo avvertimento: ci vorrà un po’ di tempo perché tu riesca a capire come fotografare al meglio i tuoi prodotti, tempo che impiegherai a *fare centinaia di foto, scaricarle, guardarle, scartarle, farle vedere ai tuoi colleghi venditori per chiedere pareri, modificarle, scartarle ancora, battere la testa al muro**. Per tua sfortuna dovrai rifare tutto da * a ** innumerevoli volte, fino ad ottenere risultati apprezzabili, che però possiamo assicurarti, prima o poi arriveranno.
La scelta è tua: puoi accasciarti sulla sedia a dirti, lacrimevole “non ce la farò maiiii” e rassegnarti ad avere le foto bruttarelle (e quindi a vendere giusto per sbaglio) o rimboccarti le maniche e metterti sotto a studiare e provare, fino ad ottenere i risultati che desideri.
Se hai scelto la seconda opzione, prosegui pure la lettura - se hai scelto la prima puoi fermarti qui, potresti impiegare il tuo tempo altrimenti, ad esempio a fare un delizioso dolce al cioccolato, per poi offrircene una fetta, ovviamente!



Secondo avvertimento: ricorda che chi compra online non può toccare e rigirarsi tra le mani il prodotto; la foto e la descrizione sono tutto ciò che il cliente ha a disposizione per decidere. Sopratutto la foto, perché notoriamente le persone non leggono, ahimé. Sappi che molti clienti comprano d’impulso senza leggere NIENTE salvo poi lamentarsi se qualcosa non è come nella foto. Sei avvertita!
La foto deve catturare l’occhio da subito, perché l’utente ci clicchi su quando la vede in mezzo al marasma dei risultati di ricerca (ricordi i D-I-C-I-O-T-T-O-M-I-L-I-O-N-I?), e poi ingrandita deve rendere l’oggetto al meglio, perché il cliente si si trasformi da potenziale ad attuale.

Di seguito i consigli base base (ho già detto: base?) per  fare i primi passi ed ottenere foto decenti; per foto spettacolari dovrai ingegnarti, cercare tutorial online, fare corsi, comprare attrezzatura, studiare.
Intanto partiamo da qui!

1. Lo sfondo. Scegliete  sfondi dai colori neutri (bianco, nero, grigio) in modo che i colori dell’oggetto siano valorizzati e si distacchino dal fondo. NO a: sfondi con fantasie, erba, foglie, ricami, qualsiasi cosa che possa distogliere l ‘attenzione dall’oggetto che dovrebbe essere in primo piano.
2. La luce. Usa luce naturale quando possibile, in alternativa puoi costruirti una lightbox. L’importante è che tu faccia il bilanciamento del bianco (oramai anche le compatte più scrause ce l’hanno) così da eliminare ogni tonalità (di solito azzurrine, gialline o rosine) che falsi i colori del prodotto.
3. L’inquadratura. scegli un’inquadratura che valorizzi l’oggetto; ricorda anche che hai 5 immagini a disposizione per la tua inserzione su Etsy quindi usane più possibile per mostrare l’oggetto nella sua interezza, nei dettagli e, se è il caso, nel suo uso.
Non sbizzarrirti in inquadrature “artistiche” perché, a meno che tu non sia una brava fotografa, il risultato sarà probabilmente una foto in cui non si capisce quale sia il soggetto né cosa sia.
Per gli oggetti piccoli ricorda che la funzione
Macro è la tua migliore amica!
4. La postproduzione. Non si scampa, le immagini scattate vanno modificate per aggiustarne curve e livelli, per ritagliarle e all’occorrenza aggiustare i colori.
Cosa sono
curve e livelli? Bella domanda, a cui non risponderemo qui. Se non avete Photoshop, esistono molti editor di immagine gratuiti, a volte online (senza installazione) che vanno bene per le vostre esigenze: Gimp, Pickmonkey, Picasa, Pixlr, iPicci sono alcuni tra questi, provateli per capire quale fa per voi e cercate tutorial online che vi spieghino come usare le curve, i livelli ed aggiustare i colori.

In generale, sopratutto all’inizio, cerca di farla semplice, non complicarti la vita con ambientazioni o inquadrature strane, riduci tutto al minimo per minizzare la possibilità di errore. Quando ci avrai preso la mano potrai sbizzarrirti!

Per finire: evita scritte, effetti strani, cornici improbabili e watermark invadenti. Non è un album, le immagini devono avere un aspetto professionale. Ribasisco: Etsy non è Ebay, senza contare che se vuoi proteggere la foto da furti con scritte giallo fluorescente probabilmente le proteggerai anche da possibili compratori.

Per tutto ciò che non sai, ricorda che c’è il forum in cui chiedere e poi uno strumento che, magicamente, contiene quasi tutto lo scibile umano: Google. Usalo!

Passiamo agli esempi pratici, pescati, come sempre, non molto a caso tra le foto dei leader EIT, dove si mettono a confronto le prime foto (fatte appena aperti) e le foto attualmente in negozio; giochiamo a ‘trova la differenza’? :)
--



Inizio



Ora




Cosa è migliorato? sfondo, luce.
--

Inizio
Ora


Cosa è migliorato: inquadratura, sfondo, luce, tonalità
 --
Inizio
Ora

Cosa è migliorato: luce, inquadratura

--

Nessuna delle venditrici qui sopra è una fotografa, tutte hanno iniziato con foto bruttine, tutte ora fanno belle foto (e vendono). Ce la potete fare anche voi!


Come già detto, questa è solo un’infarinata per indirizzarti, ora il lavoro grosso lo dovrai fare tu: imparare ad usare la tua macchina fotografica, a trovare le inquadrature adatte, a modificare le foto. Ancora una volta ti invitiamo a leggere i fantastici tutorial di Un’idea nelle mani (Lez. 1, Lez. 2, Lez. 3) che ti permetteranno di ottenere buoni risultati.


E ora, basta chiacchiere, è tempo di mettersi a fare foto!

Come sempre buon lavoro e ti aspettiamo su Etsy Italia Team, dove potrai conversare e confrontarti con altri venditori e ricevere i migliori consigli per il tuo negozio Etsy.

9 commenti:

  1. Sìsìsìsì!!!
    E' una faticaccia, ma ne vale la pena! :)
    Qualcuno si lamenta che è tutta immagine, che è inutile, che il loro prodotto è così bello che parla da solo eccetera.
    NO.
    Se il prodotto non si vede può essere bello quanto ti pare, ma non lo compreranno.
    E poi una bella foto che mostra bene l'oggetto e dà l'idea delle sue proporzioni è anche un atto di gentilezza verso il cliente che non dovrà scervellarsi per capire come è fatto (e non ti tempesterà di domande, sempre le stesse, per chiedere cose per noi ovvie).
    :*

    RispondiElimina
  2. Dopo un anno di lotta efferata con la curva dei bianchi, la Lightbox ( spesa inutile...) e la post produzione, credo di essere riuscita a fare delle belle foto, anzi ne sono certa.... Solo che ora.... Chi c'ha la voglia di rifare le 500 e passa foto per il mio negozio? Mi ci vorrà un altro anno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lol! è dura si, ma ce la puoi fare! fanne un po' per volta, poniti un obbiettivo settimanale e dacci dentro :)

      Elimina
  3. bel post ben scritto e pure divertente :) un altro consiglio è di non limitarsi a pochi scatti, ma farne tanti per poi scegliere le migliori, lo so, ci vuole tempo e lavoro, ma bisogna pur guadagnarsi la pagnotta :)

    RispondiElimina
  4. super post ragazze!!! lo condivido subito sperando che arrivi "all'orecchio" di qualcuno...che tenerezza le vostre vecchie foto! se ripenso alle mie mi vengono i brividi, fatte al buio con lampadina gialla e sfondi improbabili.
    bravebravissimissime!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post! Utilissimo e con quel tocco di simpatia che ci piace tanto! :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...