12 aprile 2013

Le Etsydritte: Per vendere online bisogna farsi il mazzo.


Ovvero, di come vendere online sia difficile,
ma non impossibile.


Ciao a tutti. Inauguriamo con questo una serie di articoli settimanali in cui vi consiglieremo sui vari aspetti dell’avere un negozio su Etsy.com. Partiamo con un avvertimento, più che un consiglio, per chi volesse aprire un negozio o lo avesse aperto da poco, perché abbiamo notato che molte persone non si rendono conto di cosa voglia dire vendere online: è tempo di mettere le cose chiaro!


Ciao, vieni qui che ti svelo un segreto. Per vendere online bisogna farsi il Mazzo.
Ebbene sì. Mi spiace darti questa notizia, ma vendere online non è facile, e se qualcuno ti ha detto ciò, mentiva.
Certo, a cercare di vendere online, si fa presto: aprire un negozio online oramai è questione di minuti, su Etsy in quindici minuti puoi avere una vetrina potenzialmente visibile in tutto il mondo. Molte persone pensano che da qui in poi sia tutto in discesa, che possano sedersi comodamente e aspettare che i clienti arrivino.
Se anche tu la pensi così, ahimé, sbagli. Avere un negozio online, seppure più semplice ed economico di avere un negozio fisico, comporta comunque un gran lavoro.
Mi sento generosa, voglio dirti un altro segreto: nel web non ci sono frotte di clienti pronti a darti i loro soldi solo perché hai messo nella tua vetrina 3 prodotti in croce, con foto scattate con l’iPhone, senza nemmeno preoccuparti di scrivere una descrizione decente. Peggio: nel web non ci sono clienti che ti stanno aspettando, pronti a darti i loro soldi, anche se i tuoi prodotti sono fichissimi e hai foto fichissime e hai scritto descrizioni fichissime.

Per farti capire, ti spiattello
tutte le attività che un crafter/maker/designer/vintage lover/supplier seller che lavori da solo deve svolgere per gestire il proprio negozio (su Etsy o altrove):
1. Creare i prodotti / procacciarsi gli articoli vintage / comprare i materiali da rivendere.
E fin qui mi pare il minimo, è la base.
2. Fotografare gli oggetti creati o acquistati.
Si potrebbe aprire una vasta parentesi a questo proposito su come dovrebbero essere le foto di un negozio decente (non fenomenale, decente), ma la rimandiamo a futuri articoli;  comunque no, non basta fare una foto scura e/o sgranata e/o sfuocata, e non basta caricare la foto direttamente dalla macchina fotografica/iPhone. Se non hai un fotografo professionista  a portata di mano,
dovrai imparare a fare anche questo.

 3. Inserire i prodotti in vetrina.
Comprende: scrivere titoli, descrizioni e tag che abbiano un senso, o, ancora meglio, siano accantivanti e che siano
ottimizzati SEO. Che vuol dire SEO? Se vuoi vendere online e non affidarti a terzi, dovrai imparare cos’è. Studia!
4. Farsi promozione.
Anche per questa  voce rimandiamo a futuri articoli, comunque per farla breve: fare networking tramite i forum di Etsy, twitter, facebook, blog, qualsiasi cosa possa rendere visibili in rete. Devi imparare ad usare al meglio sia la piattaforma che i social network. Su Etsy ci sono 18 milioni (DICIOTTOMILIONI*) di oggetti in vendita. Potrai capire che non è così immediato farsi trovare, emergere e, infine, vendere.
 

5. Gestire i clienti e gli ordini.
Ovvero, rispondere ai messaggi o email, fare customer care (il più delle volte in inglese! Etsy è una piattaforma di vendita internazionale!), impacchettare, spedire. Tutto ciò se si vende, altrimenti: fissare le statistiche del proprio negozio fino a completo essiccamento del bulbo oculare, sperando in improvvisi picchi di visite.


Come puoi constatare, non c’è traccia di “sedersi e aspettare che i clienti arrivino”; c’è da studiare un sacco,  stare ore davanti al computer, stare ore a progettare e creare prodotti, ore a fare qualsiasi cosa. 
Ti chiedo: tu entreresti in un negozio (fisico) con una vetrina scarna, impolverata e buia, e con una commessa che passa il tempo al telefono o a bersi il caffè? Non dire di si, perché non ci credo.
Se metti pochi articoli, magari anche fotografati male, non rispondi in maniera celere e gentile ai messaggi dei clienti e non curi il negozio in ogni dettaglio, l’impressione è quella: un negozio trascurato, dove il cliente non entrerà e, ancora meno, si sentirà invogliato a fare acquisti.

E non cercare di ribattere con: “però ho i prezzi bassi”! Non ci provare nemmeno. Non siamo su Ebay. Ecco, mettitelo in testa: Etsy NON è Ebay. Chi arriva su Etsy non cerca prezzi bassi (o almeno, non sempre), ma il pezzo unico, la creazione particolare, l’oggetto handmade, o vintage, che parli alla sua anima, che racconti una storia. (Ehm).

Il punto, quindi, è che, se vuoi vendere online e vuoi farlo diventare il tuo lavoro, devi comportarti di conseguenza. Vendere online è roba da duri. 


Impegno, costanza, pazienza e duro lavoro ripagano quasi sempre. Il quasi è d’obbligo perché purtroppo, quando si parla di mercato, il rischio c’è sempre: quello di non farcela, di non vendere, per un motivo o l’altro.


E quanto scritto fin qui vale per chi sta pensando di aprire un negozio. Ora sei pront*, sai quello che ti aspetta e puoi fare una scelta informata: vuoi davvero aprire un negozio online?

Se invece,
tu che stai leggendo, hai già aperto un negozio ma ti disperi perché ancora non sei diventato ricco sfondato, ecco 4 domande a cui dovresti  rispondere prima di strapparti i capelli e a piangere in greco perché non vendi:
1. Da quanto tempo hai aperto il negozio?
Ci vogliono dai due ai 12 mesi per ingranare su Etsy, a seconda della tipologia di prodotto che vendi (se ha più o meno concorrenza), sempre considerando un impegno a tempo pieno o quasi. Te lo dico chiaramente, se dedichi al tuo negozio un’ora  a settimana, più di tanto non puoi pretendere.
E se hai aperto da un mese
non.sei.autorizzato.a.lamentarti. Rimboccati le maniche, lavora sodo, impara tutto su Etsy e come funziona e tra qualche mese, forse, se non avrai ancora venduto niente, ti presteremo una spalla e un fazzoletto (ricamato a mano e comprato su Etsy) su cui piangere.


2. Quanti articoli hai inserito nella tua vetrina?
Con 3 oggetti in croce non puoi sperare di essere trovato nella selva di prodotti su Etsy. Ricorda: DICIOTTOMILIONI*. Quindi, almeno due pagine ci vogliono tutte, e diventano di più per le categorie più affollate (es. gioielli). Riempilo quel negozio!
3. Come sono le foto degli articoli?
Se sono brutte (scure, sfocate, o, semplicemente
brutte) non hai tante speranze. Anche con una compatta si possono ottenere ottimi risultati, ci sono tanti tutorial in rete, puoi modificarle con un programma di grafica (ancora, ce ne sono di gratuiti online), insomma non ci sono scuse. Le foto devono essere belle.
4. C’è mercato per il tuo prodotto?
Prima di metterti a vendere dovresti aver almeno controllato: che ciò che vuoi vendere abbia un potenziale mercato, qual è il tuo target e quanta concorrenza avrai. Non puoi pretendere di vendere automaticamente ciò che crei, pensando che piacerà (e venderà) solo perché piace a te. Non funziona così.

(*) detto con le mani a coppa davanti alla bocca: D-I-C-I-O-T-T-O-M-I-L-I-O-N-I.
La tristissima verità è che non tutti possono riuscire ad avere un negozio online di successo, quindi sta a te capire se, a un certo punto, sia il caso di arrendersi e impiegare il tempo in maniere più produttive.
Per concludere con una nota di ottimismo, vendere online le proprie creazioni, partendo da zero (cioè senza avere già un marchio conosciuto o un giro di clientela) è difficile, ma non impossibile. Se crederai nel tuo prodotto, lavorerai duramente e sarai pronto a cambiare strada quando necessario (cambiare prodotto, l’immagine del negozio, il target, ecc.),  avrai buone possibilità di farcela. E non dimenticare mai che esiste anche un mondo ‘off-line’ che potrebbe essere interessato ai tuoi prodotti, quindi non precluderti nessuna strada; il negozio su Etsy può essere sempre la tua vetrina e catalogo, e Etsy può essere un ottimo strumento, basta imparare ad usarlo e sfruttarlo al meglio.

Ora è tempo di darsi da fare! Dacci dentro a migliorare ogni aspetto del tuo negozio!
Buon lavoro e ti aspettiamo su Etsy Italia Team, dove potrai conversare e confrontarti con altri venditori e ricevere i migliori consigli per il tuo negozio Etsy.

51 commenti:

  1. Bellissimo articolo, la Bibbia dei venditori direi! Molto arguto e divertente!

    RispondiElimina
  2. Siete fantastici! Il tono dell'articolo mi piace un sacco! E' la scossa giusta! Corro...vado a farmi il MAZZO!

    RispondiElimina
  3. Che dire ..sto cercando di spiegare proprio questo al mio socio con cui sto aprendo il negozio su Etsy..un anno di osservazione e 2 mesi da quando ho caricato l'insegna sul sito..Grazie , mi sento meglio, pensavo fosse un problema mio..

    RispondiElimina
  4. Bravissime!!! condivido tutto, per vendere on line occorre investire tantissime energie!!! ^_^

    RispondiElimina
  5. Ironico, divertente, sacrosanto e utilissimo !
    All'EtsyItaliaTeam site dei geni! :D
    L'omino "sobrio" è una vera chicca !

    RispondiElimina
  6. Mi piace!!! :) Complimenti, questo articolo si legge che è un piacere... ;)

    RispondiElimina
  7. Non lo si poteva dire in maniera più semplice e diretta!...e ora tutte a lavorare! :)

    RispondiElimina
  8. Fenomenale, divertente e schietto quanto il meraviglioso EtsyItaliaTeam!!!

    Love ya all!

    RispondiElimina
  9. E' così bello che mi sono commossa... Tutto vero. Tutto vero. :)
    (prego prendere appunti)

    RispondiElimina
  10. Mi ci sono rivista in pieno, e per questo ho riso molto nel leggerlo
    Bravissima , un articolo da incorniciare e rileggerselo ogni tanto :)))

    RispondiElimina
  11. Bellissimo e divertente al tempo stesso!!
    Grandi!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Complimenti un articolo scritto benissimo e super-veritiero!

    RispondiElimina
  13. sono consigli utilissimi!! Mi sono ritrovata in moltissimi punti!! :)

    RispondiElimina
  14. Mamma mia.. che articolo.. Vi ringrazio per tutti i consigli.. <3

    RispondiElimina
  15. Questo articolo sprona ad andare avanti con consapevolezza e impegno costante.

    Grazie utilissimo!!
    Marzia

    RispondiElimina
  16. Bell'articolo!! purtroppo assolutamente vero e ci vuole pochissimo tempo per rendersene conto!!!

    Sonia
    (carciofina di Etsy di 2 mesi) :)))

    RispondiElimina
  17. Troppo giusto!
    Sono Etsyna solo da 10 giorni e già vedo che avete ragione da vendere.

    RispondiElimina
  18. E' super vero e...grazie della strigliata!!!! vado subito a farmi il mazzo!!!!! ...meno male che ci siete :)

    RispondiElimina
  19. io sono fresca fresca di iscrizione su etsy :D credo che ci vorrà minimo un anno per riuscire a ottenere qualcosa, specialmente nella mia categoria! .....Comunque ragazzi, buon lavoro a tutti e buona fortuna ! Grazie di cuore per i consigli utilissimi !!!!!

    RispondiElimina
  20. Concordo, vendere online é piú difficile di quello che sembra... Sono solo da pochi giorni su etsy e sto cercando di farmi il mazzo per, non dico diventare ricca, ma guadagnare qualche soldino in piú! ;P

    ----------------------
    Folow my blog:
    http://klinomaniadesigns.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Sacrosante parole! Ho aperto da quasi due settimane e i giorni sono diventati troppo corti per far tutto! Naturalmente per ora non si vende niente, ma immagino io debba faticare ancora di più! Sono super pronta a farlo! Studieró tutte le discussioni del team...Towanda! :-)

    RispondiElimina
  22. La questione cruciale è il 4 - c'è mercato per il tuo prodotto?.
    occorre fare indagine di mercato. Come si fa una indagine di mercato senza dover rivolgersi a agenzie specializzate?
    Forse la cosa passa per il SEO ma intanto se qualcuno ha già questa esperienza e vuole condividerla con me ignorantone .....
    Grazie
    Carlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Carlo, per indagine di mercato potresti cercare su google e su etsy con parole chiave inerenti i tuoi prodotti, controllare i tuoi concorrent icosa fanno, come lo fanno, a quanto lo metto e se vendono. per i piccoli brand non servono le agenzie, poi di solito si può addrizzare il tiro strada facendo!

      Elimina
  23. Grazie, grazie mille a chi ha scritto questo articolo! Date una medaglia a questa persona!!

    e dopo questa sviolinata, vi ringrazio seriamente, non capivo cosa non andasse nel mio negozio ma mi avete aperto gli occhi sui possibili problemi a cui non avevo pensato. Via le fette di salame dagli occhi e rimbocchiamoci le maniche! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta tu lo abbia trovato utile (una medaglia forse è troppo), in bocca al lupo! :)

      Elimina
  24. Divertente questo articolo. Purtroppo o per fortuna, è tutto vero...Io ho aperto da poco...due settimane. Spero che il negozio piaccia e piano piano cresca...:)

    RispondiElimina
  25. Sebbene vecchiotto come articolo (sul web basta un mese per divenire un decrepito) mi ha dato un bello sprint a continuare con il mio negozio etsy E continuare con maggiore impegno.

    Lo ammetto, ho sperato di avere subito successo (soldi a vagonate) e ammetto anche di aver provato sconforto perché ho fatto una sola vendita...

    E con vergogna ( ma a qualcuno debbo pur dirlo) dico anche che ho aperto da un paio di settimane.... Argh, pronta a ricevere le vostre fustigate :-)

    In bocca al lupo a tutti i venditori etsy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ely, non ti vergognare, ci siamo passate tutte! gambe in spalla e dai dai dai, mettiti sotto e i risultati arriveranno! e questo articolo è un evergreen ;)))

      Elimina
  26. Grazie mille per l'articolo!!!
    Mi rimboccherò le maniche!:^)

    A presto!

    RispondiElimina
  27. Salve! da diversi mesi ormai sto anch'io osservando Etsy perché voglio provare a creare un negozio con le mie amiche artigiane di sempre. Intanto grazie per tutte le dritte!!! vi seguiamo appassionatamente e spero prima o poi possiamo fare anche noi parte dell'Etsy Italia Team =) è stato troppo divertente seguire le guide Foto fai da te e improvvisare scenari da una stanza all'altra, usare la carta da forno come diffusore etc e sbracciarsi in posizioni stile twister per tenere luci, carte, oggetti eheh cmq ho un problema e forse potete aiutarmi mentre aspetto la risposta dall'Help di Etsy. Ho inserito due pagine di oggetti e oggi stato facendo le ennesime modifiche, poi quando scendo in fondo alla prima pagina e clicco sulla freccia per andare alla seconda pagina in realtà mi porta alla Home di Etsy e non riesco a vedere gli oggetti della seconda pagina per modificarli e non so se sia un bene aprire adesso il negozio con questo tipo di errore, sono nuovo e mi sto informando tanto su Etsy c'è proprio un mondo!!! ma non vorrei commettere errori fin dall'inizio. A voi è mai capitato? Grazie!!!

    RispondiElimina
  28. Adoro lo stile con cui sono scritti questi articoli! Imparo e rido allo stesso tempo! fantastico ;)

    RispondiElimina
  29. Sto tentando di attingere il più possibile da questi articoli fantastici.
    Sono tutte cose che teoricamente dovrebbero essere ovvie se ci si accosta alle vendite in generale, ma metterle in pratica è meno ovvio!

    RispondiElimina
  30. penso che aprire un negozio su etsy o qualsiasi altra piattaforma e sedersi ad aspettare di vendere sia abbastanza poco realistico, bisognerebbe cercare di farsi conoscere prima attraverso i social network per esempio, creare un'identità, perché altrimenti si rischia solo di perdersi nel mare di creazioni che ormai intasano la rete, alcune effettivamente interessanti, di altre non se ne sentiva il bisogno
    Lu

    RispondiElimina
  31. ...continua

    quello che intendo dire è che la piattaforma non deve essere il fine, il mezzo per farsi conoscere, ma un comodo strumento per vendere ma se aspettate di farvi conoscere da lì, beh francamente sono molto scettica, a meno che proprio non proponiate qualche prodotto estremamente innovativo, diverso, originale, ma da quello che vedo il livello di creatività si è molto livellato ultimamente, sembra di vedere sempre gli stessi oggetti anche se provengono da diversi autori

    penso che l'originalità oggi come oggi latiti moltissimo,lascia invece spazio ad una certa pretenziosità da parte dei creatori, che sembrano più intenti a voler esibire dei virtuosismi tecnici più che proporre qualcosa di realmente originale e interessante

    ad esempio anche questa pretesa di vendere tutto questo oro filled, allora se non puoi permetterti un gioiello prezioso compra la bigiotteria, tutti questi oggetti semi preziosi di pretesa mi sembrano ridicoli, fanno tanto volere non posso
    per non parlare di tutti i cloni di gioielli in rame, con tutta la sicumera del rame naturale, bla bla bla
    insomma una pesantezza mortale! a tanti creatori vorrei dire..tiratevela di meno e divertitevi di più, perchè questo dovrebbe essere la creazione manuale, non scimmiottare gli oggetti industriali o preziosi

    spero di non urtare nessuno, sono solo sincera

    Lu

    RispondiElimina
  32. Bell' articolo! anzi finalmente in questa giornata leggo qualcosa di questo tipo! nella quotidianità ti scontri spesso con chi ti chiede... a ma quella cosa in internet.. hai già venduto??
    No.. allora.. puff..
    e vedi la loro faccia deprimersi quando invece tu sei tutta incoraggiata a migliorare e pensi:
    ma sto ancora aggiornando tutto, sto ingranando appena ora un minimo, mi sono iscritta da 3 settimane solo, sto cercando di dedicare molto tempo per capire com' è quel mondo .. e mi sembra normale non avere ancora venduto.

    RispondiElimina
  33. Anche io ho aperto da 1 mesi ,e vedo che non è per niente facile.

    RispondiElimina
  34. IO ho avuto la mia prima vendita quasi dopo un anno dall'apertura. Devo dire che fino ad allora non ho curato molto il mio negozio. La vendita invece mi ha dato nuova spinta a crescere. Spero di raggiungere un pubblico sempre più vasto grazie ai vostri consigli!!!!

    RispondiElimina
  35. Ottimo articolo!

    utile ribadirlo .. DICIOTTOMILIONI!

    purtroppo in questo mondo ultraveloce e ultrafacile si pensa ancora troppo spesso che basti poco per avere successo!

    Bravi/e!

    RispondiElimina
  36. per vendere in Italia secondo me conviene vendere tramite negozio, dati alla mano, lo stesso identico negozio su A little market Italia poche vendite, su A little Market Francia centinaia di vendite, il pubblico italiano è poco propenso agli acquisti online, la stessa creazione nella vetrina di un negozio fisico ha molte più chance di venire comprata anche ad un buon prezzo

    RispondiElimina
  37. Grazie per questo articolo, in effetti e' molto il la lavoro da fare e la strada del successo e' lunga quindi direi che prima di tutto bisogna amare cio' che si crea senza subito (e solo) pensare a vendere, seno' che divertimento c'e'?! -- dorikri --

    RispondiElimina
  38. beh 18 milioni confrontati con i miliardi di persone che popolano la terra non sono nemmeno così tanti, no? purtroppo però vedo tanti negozi impeccabili e belli che non vendono nulla, non credo sia un problema di promozione, non lo so perchè poi magari gli stessi engozi su etsy non vendono ma vendono di più per conto loro sul loro shop personale online, questa cosa confesso che mi lascia un po' perplessa, qualcuno ha voglia di chiarirmi le idee?
    Liz

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...